Easter Parade, Richard Yates – 1976

easter parade cover.qxdTraduzione di Andreina Lombardi Bom

Ci sono autori statunitensi che scrivono del miracolo americano, storie di persone tendenzialmente venute dal nulla e che, in un paese che dà una possibilità a tutti, emergono e realizzano un sogno.
Ce ne sono altri che raccontano di destini ai quali non ci si sa sottrarre.
Richard Yates appartiene a questa seconda tipologia.
Easter Parade è la storia, collocata fra le due guerre, di due sorelle con un’infanzia sballottata da un appartamento all’altro di New York, con la sola madre, una specie di artista divorziata dal marito, giornalista dicono le figlie, ma correttore di bozze.
Sarah sposa un bellissimo giovane benestante dal fascino britannico, avrà tre figli maschi e trascorrerà tutta la sua vita nella tenuta del marito.
Emily, di qualche anno più giovane, dopo una breve parentesi matrimoniale sceglierà la strada dell’indipendenza.
Le loro vite si allontanano e riavvicinano periodicamente anche a causa della madre, come fossero alle due estremità di un elastico; due vite apparentemente diverse, ma tenute insieme da un destino scritto al quale non riescono a sottrarsi.
Revolutionary Road è la crisi della coppia, Easter Parade quella dei rapporti familiari.
Due romanzi duri, belli e dolorosi, entrambi necessari.

Qui una bella recensione (attenzione perché contiene anticipazioni)

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in attualità, libri, lui e lei, vita quotidiana. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Easter Parade, Richard Yates – 1976

  1. Rudi ha detto:

    Dovrò leggerlo. Del resto, l’ho comprato. ..

Cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...