Del perdono

Dovette farlo anche se ti amava. Quello che devi fare tu adesso è comprendere il suo stato d’animo di allora e accettarlo. Devi comprendere la paura e la rabbia che la opprimevano in quel periodo, e accettarle come se fossero tue. Non ereditarle e ripeterle. In altre parole, devi perdonarla. Naturalmente non è facile. Ma è quello che devi fare. Sarà la tua unica salvezza. È la sola opportunità che ti si offre.
Ci penso. Ma più tento di riflettere, più cresce la mia confusione. La mente è sconvolta, e ho tanti dolori nel corpo da sentirmi lacerare.
(…)
Ci penso. Devo capire e accettare prima che sia troppo tardi. Ma non riesco ancora a leggere quei caratteri minuti che le onde lasciano sulla riva della mia coscienza. L’intervallo fra un’onda e l’altra è troppo breve.

Kafka sulla spiaggia, Murakami Haruki – 2002

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in io, libri, lui e lei, riflessioni. Contrassegna il permalink.

3 risposte a Del perdono

  1. Enzo ha detto:

    Il perdono è una variabile bellissima e liberatoria. Rarissima
    Nell’intestazione la spiaggia di Vendicari ( Siracusa)

Cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...