L’isola di Alessi

Sono immersa in mare, attaccata a un paracadute rosso (forse facevo parapendio) una barca a vela si avvicina e mi soccorre: al timone c’è Paul Cayard che mi invita a scendere sotto coperta e darmi una sistemata.
Sotto coperta la barca a vela si rivela essere una specie di traghetto con una decina di turisti a bordo; la navigazione procede tranquilla, fino a quando doppiamo un promontorio tutto terrazzato che degrada verso il mare e che termina con un santuario. I turisti scattano foto su foto, dicendo che è l’isola d’Elba, io non dico nulla, ma quel santuario mi sembra una di quelle chiesette messicane dei film western.
Si procede un altro po’ verso sud, fino ad approdare in un porticciolo di un’isoletta meravigliosa, col mare di un blu che più blu non si può, roccia bianca e vegetazione rigogliosa. Paul Cayard annuncia “Isola di Alessi, scalo di 20’, poi si riparte”. A bordo rimangono 3-4 persone, mi avvicino e chiedo se anche loro vanno a inanellare (gli inanellatori si riconoscono a distanza). -mi rispondono – e ci sarà molto da fare, perché gli inanellatori sull’isola sono pochi. E io, improvvisamente, mi rendo conto che ho completamente dimenticato il metodo di attribuzione delle classi di accumulo del grasso degli uccelli.

OT: Se qualcuno sa dove sia questa famigerata isola di Alessi, me lo faccia sapere, perché è il posto dove voglio vivere.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in io, tra le braccia di morfeo, viaggi, vita quotidiana. Contrassegna il permalink.

2 risposte a L’isola di Alessi

  1. Vale ha detto:

    Dieta leggera la sera, no?
    Scusa ma, chi sono gli inanellatori?

Cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...