Per favore, adesso basta.

Ho sempre un po’ invidiato le api e il loro svolazzare di fiore in fiore, inebriandosi di profumi e colori.
Ed è istruttiva la loro società collaborativa, rigorosa, ordinata, geometrica e solidale.
Lo sciame, per me, è sempre e solo stato una colonia di api troppo popolosa, che vola via con la regina in cerca di un luogo dove fermarsi e fondare un nuovo alveare.
O al massimo, nell’accezione astronomica, una stella cadente.

Pensavamo che la notte di domenica 20 fosse stata terribile, ma solo perché non avevamo mai vissuto un’altra variante dello sciame, quello sismico, e non avevamo idea di quanto potesse essere stressante.
L’ultima scossa forte ieri sera, poco prima di mezzanotte, giusto per non perdere l’esercizio e augurarci la buona notte http://www.ingv.it/

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in attualità, io, vita quotidiana. Contrassegna il permalink.

4 risposte a Per favore, adesso basta.

  1. lia ha detto:

    Deve essere estremamente destabilizzante. Vi pensiamo.

  2. segnaleorario ha detto:

    Sì, sposta proprio il sistema nervoso.

Cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...